Dettaglio evento

Massimo Baraldi – Nagottville. Un thriller italiano tutto pallottole, delitti, baci e pop-corn

Gilgamesh Edizioni

In dialogo con: Cristiano Invernizzi

Nagottville è un grumo d’asfalto e cemento spalmato tra il fianco delle colline e uno strano mare, tanto stretto e piatto da sembrare proprio un lago. Maceo Manin, lì in cerca di fortuna, incontra la bella Neve Gronchi e subito scocca la scintilla dell’amore, tra gli abitanti che si interrogano su una misteriosa serie di decessi e la leggenda di un tesoro. Maceo e Neve sembrano essersi ritrovati e riconosciuti, al di là di ogni ragionevole dubbio: due metà della stessa inquietudine pronte a mettersi in viaggio verso un personalissimo paese delle meraviglie. Nagottville è una scanzonata escursione nei territori del noir, genere qui declinato da Massimo Baraldi in assoluta libertà, sul filo di una scrittura dai tratti intensi, ma anche comici ed evocativi.

Massimo Baraldi ha tradotto dal russo l’opera di Vladimir Majakovskij Per la voce (Ignazio Maria Gallino Editore, 2002), è autore di alcuni romanzi e testi teatrali. Recentemente ha pubblicato la raccolta di interviste biografiche, Tre giorni nella vita (Multimedia Edizioni, 2019). Collabora con la Casa della Poesia di Baronissi e con la rivista russa Ozero Komo. Affascinato dalla contaminazione tra forme espressive, tra i suoi lavori “ibridi” è di particolare interesse il cortometraggio Urban Dream (2021), realizzato con la regista Carola De Scipio e il compositore Giovanni Bataloni. Nagottville è la sua prima pubblicazione con la Gilgamesh Edizioni.